Lettura dei piedi e personalità

Annaluisa Corvaglia in ReadiToBeBeauty scrive:

Mostratemi i vostri piedi e vi dirò chi siete. Non è una frase fatta, si tratta della lettura energetica dei piedi. Come funziona? cosa si può capire osservando i piedi? lo scoprirete solo leggendo.

Se ci fermiamo un attimo a pensare a quanto siano importanti i piedi, ci rendiamo conto di quanto “lavoro” facciano, sostengono il peso del nostro corpo per tutta la vita.

I piedi per tutte le culture antiche rappresentano il collegamento tra la madre terra, e il mondo della materia, essi simboleggiano i nostri atteggiamenti, rappresentano la nostra posizione più o meno stabile, nel mondo.

La lettura energetica del piede

Tutto ciò che siamo è scritto su nostri piedi, le nostre virtù, le nostre qualità, atteggiamenti, attitudini, anche le nostre imperfezioni che cerchiamo magari di nascondere o di correggere per tutta la nostra vita, chiamandole erroneamente difetti.

Come prima cosa iniziate ad osservare i vostri piedi, la forma della pianta arcuata o piatta, la forma delle dita, poi osservate il colore, la temperatura, segni, calli, ispessimenti, screpolature tutti questi segni ci parlano della nostra personalità.

Per facilitare l’analisi per noi operatori il piede viene diviso in varie parti, ogni parte rappresenta un elemento, esattamente 4 elementi partendo da tallone fino alle dita:

  • Terra
  • Acqua
  • Fuoco
  • Aria

Andiamo ad esaminare ogni elemento associandolo ai diversi tipi di personalità e atteggiamenti che ne corrispondono.

Terra: tutta la zona del tallone rappresenta l‘appartenenza, le radici, sicurezza, voglia di stabilità, l’attaccamento a tutto ciò che è materiale, ama possedere ed accumulare rappresenta la parte affettiva e la parte lavorativa. E’ legata all’eliminazione dei residui quindi gli organi collegati sono Ano, Vescica. Quando abbiamo la zona del tallone molto secca screpolata e rossa, rugosa, callosa, vene e macchie scure, possiamo trovarci difronte ad un disquilibrio. Il soggetto che rientra in questo caso è una persona in cui il cibo rappresenta una grande attrazione, un modo per non pensare. Un soggetto spesso riflessivo, troppo, analizza continuamente i propri pensieri, la sua voce bella e molto piacevole, lo rende un affascinante oratore, ma se lo si ascolta attentamente nei ragionamenti, ci si rende conto delle troppe incoerenze, a la tendenza a portare sempre una maschera alle volte con dei sorrisi forzati.

Un soggetto che rientra in questa tipologia deve prestare attenzione alla milza e al pancreas come anche allo stomaco perché sono predisposti alla somatizzazioni.

Acqua : L’ OCEANO DELLE EMOZIONI. Gli organi collegati sono i Renivescica, ossa, orecchie. Ci troviamo davanti ad un soggetto acqua quando il piede al tatto è sempre umido, di colore pallido, spellato, unghie fine, muscoli ipotonici. La persona solitamente è un soggetto pauroso, poco incline all’azione e a esporsi, voce bassa e sospirosa. A livello corporeo si nota la mancanza di muscolatura. E’ sempre freddoloso. I suoi problemi si acuiscono con l’inverno, il freddo, con un’alimentazione ricca di soia carne di maiale e sale. L’acqua rappresenta tutto il mondo emotivo, può essere spaventosa, distruttiva, profonda, ma anche romantica, segreta femminile e seducente.

Fuoco : ELEMENTO DINAMICO : IO AGISCO. Gli organi collegati sono cuoreintestino tenue e il sistema cardiocircolatorio. Ci troviamo davanti ad un soggetto Fuoco quando il piede è sempre caldo molto rosso quasi infiammatosecco. La persona solitamente è un soggetto ansioso e facilmente stressato. Suda facilmente ed è tendenzialmente rosso in viso. Tutto il suo corpo sprigiona un calore in eccesso. Tendenzialmente tende ad avere una buona struttura muscolare e una buona vitalità. Di base tende ad essere arrotondato ( testa rotonda, muscolatura gonfia, ventre gonfio) a prima vista sembra estroverso, ma può velocemente cambiare l’umore.

Aria : ELEMENTO DEL PENSIERO E DELLA PERCEZIONE : IO PENSO. Gli organi collegati sono la testagli occhi, l’ipofisi, la tiroide. Ci troviamo davanti ad un soggetto aria, quando il piede è molto lungo sottile con le dita affusolate, il colorito pallido, zone vuote, fredde. La persona solitamente ha la testa tra le nuvole. Alle volte i soggetti aria sono dei grandi artisti, introversi, molto meditativi e riflessivi. Devono avere cura della propria testa perché spesso possono soffrire di emicranie e squilibri ormonali.

Le dita ci parlano

Rappresentano il punto più estremo del nostro corpo, le radici che ci aiutano per mantenere l’equilibrio fisico e simbolicamente, psicofisico dell’uomo. Le dita come anche i nostri piedi sono costretti oramai per vincoli culturali ad essere stretti nelle scarpe, isolati da uno strato di gomma, per questi motivi non c’è più il radicamento diretto con la madre terra. Questo comporta anche una notevole modifica nella postura, ma affronteremo questo argomento in un altro post.

Secondo la medicina tradizionale cinese ogni dita ha un collegamento energetico. Spesso, abbiamo dei problemi a un dito e non li mettiamo mai in relazione con disequilibri di tipo energetico.

Vediamo in dettaglio ogni dito:

  • Alluce. E’ legato a due meridiani, la milza/pancreas e il fegato. Questo dito è importante per l’appoggio, in tutti i sensi. E’ molto legato a ciò che siamo e alla nostra identità, alla concretezza, e alla parte femminile infatti capita in alcuni casi che una donna quando entra in menopausa sviluppa l’alluce valgo. Ciò è dovuto al collegamento con il meridiano della milza. La milza è associata agli ormoni collegati al seno, alle ovaie che sono le zone attraversate da questi meridiani, e anche all’utero. Inoltre è l’organo legato alla fecondità, alla gravidanza. Controlla i cambiamenti fisiologici che portano la persona dall’infanzia alla pubertà poi alla maturità e infine alla menopausa.
  • Secondo Dito E’ legato al meridiano dello stomaco, cioè alla quantità di energia che possediamo a che riusciamo a utilizzare è paragonabile all’indice della mano, cioè indica una direzione, rappresenta la nostra capacità di introdurre informazioni e indirizzarci nel mondo. Viene definito anche come il “dito del condottiero” quando è molto più grande degli altri.
  • Il terzo dito Essendo il dito centrale, ha un forte legame con l’equilibrio e la coerenza della persona. E’ il dito di chi segue la retta via e procede nel suo percorso con armonia e determinazione.
  • Quarto dito Rappresenta il meridiano della cistifellea. E’ legato alla decisionalità, alla capacità di prendere decisioni in qualsiasi campo al di fuori di noi.
  • Quinto dito E’ il termine del percorso del più lungo meridiano del nostro corpo, la vescica. E’ il collegamento con le nostre radici, con i vecchi ricordi. E’ il dito opposto all’alluce e quindi rappresenta anche un importante legame con l’appoggio.

Nella lettura energetica del piede vengono valutate anche la forma della punta delle dita:

  • Dita a cono ( o a Punta) : Denotano la capacità esagerata da parte del soggetto di concentrarsi su un’unica cosa, perdendo così molte altre possibilità. Questo soggetto controlla molto i dettagli e vuole fare sempre meglio, non si accontenta, e questo lo porta a entrare in conflitto con se stesso. Soprattutto l’alluce o il secondo dito di questa forma sono un segno di depressione.
  • Dita rotonde. Denotano armonia ed elasticità. Sono caratteristiche di una persona versatile e che riesce ad adattarsi alle situazioni.
  • Dita Trapezoidale. Parlano di grande energia bloccata nell’ultimo tratto di strada. Sono tipiche delle persone che pensano molto ma che non riescono a realizzare tutto ciò che hanno ideato, oppure in quelle persone che hanno difficoltà ad esprimersi.
  • Dita Quadrate. Tipiche di una persona spigolosa che ha difficoltà a cambiare a modificarsi.

Egizio Greco o Romano che piede sei?

Stiamo imparando ad osservare il piede sotto ogni punto di vista, ora in questo paragrafo vedremo la forma delle dita nel loro insieme, e quali indicazioni ci possono fornire sul loro modo di essere e di pensare.

  • Piede Greco ( punta al centro) E’ quel piede in cui il secondo dito supera l’alluce. questa forma a triangolo, delinea in primo luogo un piede molto elegante con le dita affusolate. Ma per quanto riguarda la personalità indica una persona pungente, critica in ogni situazione
  • Piede Egizio (dita a scalare) Le dita perfettamente decrescenti dal più lungo al più corto, indica un modo ordinato e metodico di pensare.
  • Piede Romano ( piede quadrato) le prime tre dita sono della stessa lunghezza e quarto e quinto dito poco più piccoli. Di solito le persone con i piedi tozzi sono persone taciturne, e soggette ad inseguire amori impossibili.
  • Piede celtico in questo tipo di piede il secondo dito è molto lungo rispetto al resto delle dita. di solito ci troviamo difronte persone con una forte propensione artistica, alla meditazione e all’attività sportiva.
  • Piede Germanico C’è una differenza netta tra il primo dito e le altre dita, che sono lunghe più o meno uguali. i Soggetti di solito sono estremamente pratici e razionali, nel bene e nel male sono persone con i piedi ben piantati a terra.

Conclusioni

Questo articolo sull’interpretazione e lettura energetica del piede, spero sia utile per dare una spinta a noi stessi e al nostro intuito, a connettersi con il nostro insegnante interiore, tutto quello che c’è da sapere è sempre stato “sotto i nostri piedi”. Potete iniziare ad osservare i piedi dei vostri familiari, amici, dei figli. Si possono cambiare positivamente molti dei nostri atteggiamenti e di chi ci sta attorno. Può essere l’inizio di una nuova consapevolezza. La lettura energetica del piede può servire a capire se ci sono organi o parti del copro che in un determinato momento sono carenti di energia o al contrario troppo sovraccarichi. Si agisce attraverso la Riflessologia Plantare per riportare armonia tra i 4 elementi e tra gli organi interessati.


Lascia un commento

MadameSadique – 2021